Punto di vista interno – Narrazione in Prima Persona

Il punto di vista interno coincide con il punto di vista di un personaggio. Il focus quindi, è dentro gli occhi di uno dei personaggi e la scena viene vista attraverso il suo sguardo.

Puoi scegliere di inserire virtualmente il focus dentro la testa del protagonista, ma potresti anche decidere di raccontare la vicenda attraverso gli occhi di un co-protagonista o perfino di un personaggio-osservatore.

Nel nostro esempio potresti quindi decidere di raccontare il litigio dal punto di vista del marito o della moglie, ma potresti anche immaginare che la storia sia raccontata da una terza persona, per esempio il figlio che assiste alla scena (magari di nascosto).

In ogni caso, la storia è raccontata in prima persona (“io”) e il personaggio è al tempo stesso anche il narratore.

Il lettore si trova quindi di fronte al racconto soggettivo di ciò che avviene perché il personaggio racconta ciò che vede, ma anche ciò che pensa e cosa prova. È il personaggio che racconta la storia, descrive luoghi ed eventi secondo la propria visione, ci comunica le proprie emozioni e reazioni.

I vantaggi dello scrivere in prima persona sono:

  • può essere più facile da scrivere perché in fondo ciascuno di noi vive il mondo in soggettiva, pensando in prima persona;
  • devi concentrarti e immaginare solo su una visione delle cose, solo una mente: quella del personaggio-narratore;
  • puoi adottare uno stile linguistico che rifletta il modo di parlare e pensare del narratore, utilizzando cadenze, modi di dire, perfino espressioni gergali o dialettali, perché fanno parte del linguaggio del personaggio-narratore;
  • il linguaggio caratteristico del personaggio non emerge solo nei dialoghi, ma anche nelle descrizioni e nelle parti narrative, proprio perché il personaggio è anche narratore di tutta la vicenda;
  • puoi dare vita a una personalità sfaccettata o perfino instabile, perché sei dentro la mente del narratore;
  • il lettore è portato il più vicino possibile al personaggio e può quindi più facilmente immedesimarsi con lui.

Svantaggi della prima persona:

  • sei limitato perché puoi raccontare solo ciò che il personaggio-narratore sa, vede o prova;
  • il personaggio-narratore deve essere presente in tutte le scene perché è lui a raccontarle;
  • se ci sono scene in cui il personaggio non è presente, esse sono comunque narrate da lui perché qualcuno gliele ha raccontate, quindi sono filtrate dalla sua visione soggettiva;
  • non puoi entrare nella mente degli altri personaggi; il narratore può solo limitarsi a fare congetture rispetto a quello che gli altri personaggi pensano o può basarsi solo su quello che essi dicono nei dialoghi.

Dedicato a L. S.

Buona giornata writer’s ❤️