Nell’articolo precedente, abbiamo visto le tipologie di punto di vista, e che esso è il punto di osservazione dal quale la storia ci viene raccontata. Sei tu il creatore il regista, e decidi tutto sui tuoi personaggi: chi sono, da dove vengono, che passato hanno, che carattere hanno, come parlano, come si vestono, cosa pensano, cosa fanno. Soprattutto, decidi come inquadrarli per riprendere ogni scena.

Questa scelta è fondamentale, perché proprio da cosa deciderai di inquadrare e come deciderai di inquadrarlo, dipenderà il grado di coinvolgimento del lettore e perfino la comprensione della storia stessa.

Infatti, se il punto di vista che hai scelto per raccontare la tua storia non è chiaro, il lettore non capirà da quale angolazione sta osservando la scena e sarà disorientato.

E un lettore disorientato è un lettore insoddisfatto.

La soluzione è semplice: assicurarsi di chiarire fin dall’inizio da quale punto di vista viene raccontata la storia. La scelta di quale punto di vista adottare per la tua storia è quindi cruciale e deve essere fatta prima di cominciare a scrivere.

Nei prossimi articoli vedremo i pro e i contro dei vari punti di vista. Buona giornata writer’s!